Purgatorio

# (Ho perso il conto)

Il problema con gli spazi americani mi pare che sia semplice non si sa dove comincino e meno ancora se e dove finiscano questo mi pare riguardi ogni tipo di spazio sia urbano che naturale ci sono grumi di cose e tu ti ci trovi in mezzo potrebbe essere un bosco una città la metropolitana a proposito l’impressione urbana peggiore l’ho provata a New York I do not love New York by the by con alcuni che non sono più close friends condividevamo molte passioni euro-americane  come party la lingua inglese gli Steelers Seinfeld la causa della mia impressione negativa ad accentuare la mia freddezza verso the big apple un giorno decidiamo di visitare questo posto strano che appare in tutti gli episodi di Seinfeld è un diner un posto dove si può fare breakfast brunch lunch dinner nell’ordine fuori è uguale alla serie tv dentro no tu entri e ti aspetti di trovare uno della gang dei 4 un poster un segno una maglia una fotografia invece non trovi nemmeno il ‘giusto’ arredo niente che assomigli neppure per scarpe rotte all’ambiente che credi di conoscere ma comunque volevo parlare di un’altra cosa non di Seinfeld che merita una storia a sé volevo dire degli spazi nella loro opprimente non-finitezza a volte nella sensazione di inquietudine che crea l’impossibilità di chiudere entro un orizzonte non afferrabile quello che ti si stende davanti agli occhi siamo partiti in metropolitana da casa di questa non-più stretta amica abbiamo cambiato vettura parecchie volte in stazioni sotterranee unte viscide infestate non a caso sono viscere che terminano in orifizi gli intestini cittadini percorsi da cose simili a boli organici che  ad un certo punto estuano partiti in mezzo  ai grattacieli arrivati due ore dopo ancora oppressi dagli stessi giganti da cui sembra impossibile sfuggire. Costruire in altezza nella patria della larghezza è una controrivoluzione e fa un sacco di male a un sacco di persone come sempre è successo fa anche male a me che ci passo non tanto spesso anche se ad esempio Harlem invece mi piace ma gli americani lo vogliono cambiare si chiama gentrification parola che suona male e risulta anche peggio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...