Il Pensiero Unico (o il Non-Pensiero)

 

Laddove non è riuscita la politica imperialista, ha invece avuto un successo quasi inarginabile il pensiero finanziario. Guidato da ristretti gruppi, sparsi per ogni angolo del globo, questo germe malefico è stato sparso, coltivato, rafforzato senza sosta, ed ora ha completamente occupato l’etere e la (poca) carta stampata che ancora si legge, i cosiddetti “mainstream media”. L’intero occidente, ci dicono, sta conoscendo una crisi che ormai perdura dal 2008 e non si vede affatto la fine. Ma è vero? Chi sta davvero male è il cosiddetto 99%, a cui vengono sottratte risorse e opportunità ad ogni piè sospinto. Ma cosa accade al felice 1%?

Se sono petrolieri, stanno piuttosto bene. Se possiedono banche, pure (e non solo in Occidente).

Il Vaticano? Beh, non male. Vogliamo parlare dei vari eserciti sparsi a giocare alla guerra per il mondo?

Eppure, a sentire questi ineffabili mainstream media, esiste un solo modo per superare la crisi: affondare lo stato sociale, licenziare dipendenti, ridurre i sussidi. Forse sono io ad aver capito male, ma la frase “superare la crisi” la assocerei ad azioni che sollevino il 99% delle persone dalle loro presenti miserie, come suggeriscono premi Nobel quali Paul Krugman, o Joseph Stiglitz.

Ma il vero successo del pensiero finanziario, è stato quello di pervadere a tal punto gli spazi di dis/informazione, che adesso il senso comune ne è impregnato, e non sa né vedere né sentire altro verbo che quel Verbo.

Come dice Tronti, mai una rivoluzione è stata più necessaria, e mai è stata più lontana dall’accadere. Ma forse mi sbaglio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...