Storia

Giornata storica, quella di ieri, per le donne americane (democratiche). Giovani e meno giovani, ex-soldatesse, omosessuali, di religione non cristiana, le donne americane (democratiche) hanno infranto una serie di barriere che resistevano da sempre nel panorama politico americano. Elizabeth Warren, Tammy Duckworth, Tammy Baldwin, Mazie Hirono, Tulsi Gabbard, Grace Meng, hanno conquistato seggi insperati o improbabili, e porteranno al Congresso americano idee e condizioni in alcuni casi inedite. Tammy Baldwin è la prima donna apertamente omosessuale a conquistare un seggio al Senato; Tulsi Gabbard la prima donna Hindu. La loro vittoria, certo non casualmente, si accoppia alla sconfitta di tutti quei signori (in genere bianchi, anziani ed estremisti: l’unica eccezione Allen West, tea party poster boy, anch’esso trombato) repubblicani che, nelle scorse settimane, hanno pensato bene di spiegare al pubblico americano come la donna sia un essere tutto sommato inferiore, da tenere sotto stretto comando maschile — perché questa è la volonta, parrebbe, di Dio.

Immagino che Dio abbia anche deciso che di codesti portavoce ne aveva abbastanza.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...